27 Gennaio 2011, in occasione della Giornata della memoria

OLOCAUSTO TACIUTO

Monologo accompagnato da documenti, interviste e fotografie, scritto e interpretato da Stefano Aresi

Ingresso libero

Olocausto taciuto racconta la storia dei “triangoli rosa” nella Germania nazista, attraverso le testimonianze, gli atti dei processi, le voci delle vittime e quelle dei carnefici.
Si è parlato spesso dell’atrocità della persecuzione nazista nei confronti degli Ebrei, o dei politici contrari al regime, ma poco si è reso noto al grande pubblico della persecuzione degli omosessuali durante i regimi di Hitler Mussolini. Il triangolo rosa era il marchio, di stoffa, che nei campi di concentramento nazisti veniva cucito sulla divisa degli internati per omosessualità, considerata un crimine in base al paragrafo 175 del codice penale tedesco.
Durante il Nazismo in Germania i rapporti omosessuali, allora considerato “sterili” ed “egoistici”, vennero visti come un tradimento alle politiche demografiche di potenziamento del popolo: per questo motivo e per le spiegazioni genetiche addotte per giustificare un disprezzo spesso condiviso, da 10.000 a 30.000 omosessuali vennero internati nei campi di concentramento, gli altri vennero perseguiti con ogni mezzo, mandati sul fronte russo, incarcerati o sterilizzati.
Il triangolo rosa era stato scelto per scherno nei confronti di chi era giudicato intrinsecamente effeminato: alle lesbiche invece fu imposto il triangolo nero delle “asociali”. Coloro che furono imprigionati con il triangolo rosa non sono mai stati risarciti dal governo tedesco. Anzi, alcuni di loro, che si dichiaravano apertamente gay, furono di nuovo imprigionati anche dopo il nazismo. L’emendamento nazista al paragrafo 175 che trasforma l’omosessualità da offesa minore in reato, rimase intatto per 24 anni dopo la fine della guerra.

Appuntamento il 27 Gennaio ore 20.45 allo spazio ToolBox di via Borgo Santa Caterina 60, Bergamo.

Ringraziamo la biblioteca CGIL “Di Vittorio” e lo spazio ToolBox CGIL per la concessione dello spazio e per la disponibilità.

Evento organizzato da Bergamo contro l’omofobia in collaborazione con CGIL Bergamo, ArcilesbicaxxBergamo e Milk Milano.

Comments are closed.