Battito d’ali è un libro illustrato edito da L’orto della cultura, scritto da Daniela Rossi e disegnato da Alessandro Coppola: Giovedì 23 giugno alle ore 18 nell’ambito della Pride Week di Milano, presso la Casa dei Diritti di Via De Amicis 10, i due autori, sotto la moderazione del giornalista Giulio Gasperini e con l’introduzione del responsabile cultura Milk, Alessandro Rizzo, presenteranno la pubblicazione in un incontro organizzato e promosso dal Circolo Culturale TBGL, Harvey Milk.

La narrazione del libro illustrato parte proprio da un passaggio che può presentarsi nell’esistenza di una ragazza o di un ragazzo omosessuale, oppure di una ragazza o di un ragazzo con un’identità di genere diversa dal genere biologico, quale quello del coming out, uscire fuori dall’armadio, esprimendo i propri sentimenti e affermando la propria identità, senza dover mantenere un segreto, che tale non dovrebbe essere, su una caratteristica personale che non è altro che qualcosa di naturale e che occorre vivere con chiarezza e orgoglio.

Questo passaggio avviene, spesso, nella fase adolescenziale, quella fase di crescita in cui il soggetto incomincia a prendere consapevolezza e conoscenza della propria sessualità, parti integrante della propria personalità. Affermare la propria sessualità o la propria identità di genere e poterla vivere liberamente e in modo emancipato in famiglia, nel rapporto con i propri genitori, tra gli amici, tra i colleghi di lavoro e tra i compagni di classe risulta fondamentale e importante per chi è destinato a vivere affetti e sentimenti fuori da una costrizione convenzionale, imposta da una società fondata su stereotipi, su ruoli di genere eterodiretti e su una concezione maschilista e paternalista dell’organizzazione sociale.

Battito d’ali vuole offrire un modo di affrontare questo passaggio e di poterlo vivere serenamente, dando anche le giuste parole e le giuste indicazioni, che non vogliono essere prese come assiomi, da seguire per poter superare quella fase di autodeterminazione del se. Nessuna e nessuno in questo percorso sarà destinato a sottoporsi a quello che la società impone come percorso esistenziale, intraprendendo la raffigurazione della parte di “principessa che attende il cavaliere” o di “principe che attende la principessa da baciare e risvegliare dal sonno”.

Chi intraprende questo percorso è destinato a vivere con passione, libertà e completezza le proprie affettività per quello che sono nella loro sincerità e genuinità, naturali e spontanee. Il libro è destinato a un pubblico di lettori diversificato, vario e appartenente a diverse fasce generazionali, ponendo questioni e presupposti su cui soffermarsi a pensare per, poi, agire e vivere in modo emancipato la propria esistenza: un pubblico di lettori dai 10 anni in su, soprattutto per quella comunità di studentesse e di studenti che avvertono che la propria affettività e la propria natura non rientrano nelle categorie prestabilite da una società binaria e sessista, vivendole pienamente. Insegnanti, educatori, studenti e genitori potrebbero essere più che interessati a intraprendere con Battito d’ali questo percorso, che vuole essere un confronto vivo e attivo sul tema del coming out e sui sentimenti provati e affrontati con naturalezza e totalmente.

Daniela Rossi, autrice del libro, si laurea in Storia dell’arte a Venezia, ed è formata nel campo della comunicazione visiva e della pubblicità, soprattutto in quello della redazione di testi. Daniela si è specializzata, soprattutto, nella realizzazione di moduli didattici e formativi nelle discipline della comunicazione e delle arti visive, lavorando con associazioni, enti e istituzioni scolastiche. Il tema del genere e della rappresentazione della donna all’nterno della comunicazione mediatica e pubblicitaria sono i pilastri su cui si svolge, ultimamente, l’attività di ricerca e di analisi di Daniela, dopo aver conseguito presso l’Università degli studi di Padova il perfezionamento in Letteratura per l’infanzia, illustrazione ed editoria.

Alessandro Coppola si appassiona fin dalla giovanissima età all’illustrazione e al disegno, soprattutto la rappresentazione animata di fiabe o di cartoni. Alessandro è un disegnatore freelance, collabora con agenzie di comunicazione e promuove laboratori ri-creativi: è autore, oltre di Battito d’ali, di diverse pubblicazioni e opere di illustrazione.

Testo ripreso e scritto da Alessandro Rizzo