America Latina e diritti lgbt: Cuba e la storia di un movimento

L’incontro, che si terrà VENERDI 26 FEBBRAIO alle ore 18,30 presso la sede Guado di Via Soperga 36, promosso dal Circolo Culturale aTBGL Harvey Milk, è il primo di una serie riguardante un focus sui Paesi dell’America Latina, regione internazionale in cui si è registrato negli ultimi decenni un’evoluzione politica e legislativa in termini di promozione, tutela e affermazione dei diritti lgbt.


Affronteremo l’analisi della sotuazione cubana affrontandola dal punto di vista sociale e attivista, grazie all’intervento di Martina Manfrin, che per diverso tempo ha vissuto la realtà dell’Isola e ha potuto intervenire e attivarsi all’interno del Movimento Lgbt del luogo. Si procederà nel delineare una panoramica culturale, letteraria e artistica, concernente i temi lgbt di figure e autori cubani, attraverso l’intervento di Massimiliano Carta per, poi, terminare con un approfondimento sulla sotuazione politica e istituzionale con l’apporto di Jonathan Mastellari. Il quadro complessivo dell’incontro potrà garantire una visione di insieme, storica e completa sulla situazione cubana e sulle ultime evoluzioni a livello sociale, cilturale e politico in vista di un’affermazione dei diritti lgbt.

Testo a cura di Alessandro Rizzo

Alessandro Rizzo

Redattore, fondatore di Rapporto di Minoranza, della cui associazione è presidente. Redattore di Cinemaindipendente.it, webzine di cultura indipendente cinematografica. Vicedirettore di "Segreti di pulcinella", giornale di arte e cultura on line, collabora con culturagay.it, pianetagay.it e organizza iniziative di presentazione libri ed esposizioni artistiche e performative in diversi locali di Milano. Collabora con la libreria lgbt di Milano presso lo store Pier Open Space di Milano ed è redattore di Pier Magazine. Cura la rubrica libro lgbt della settimana nell'ambito della radio web Gayday2. Da sempre impegnato nella promozione della cultura e della politica culturale nell’ARCI, dove ha fondato il circolo "Equinozio". Attento all’analisi della contemporaneità, pacifista convinto, antifascista irriducibile, nonviolento e aderente ai movimenti contro la guerra e per la pace. Fa parte del Tavolo della Casa della Pace di Milano. E' attivista nel movimento lgbt promuovendo iniziative e attività culturali utili e funzionali a promuovere i diritti e l'estensione della democrazia.