Le mitologie antiche sono sempre fonti affascinanti per l’indagine della psiche umana e di ciò che essa è in grado di concepire. Lo sono, in particolare, per quanto riguarda la sessualità. 

ishtar

Una rappresentazione di Ishtar.

            Nel campo dell’orientalistica, ci si può così imbattere in una figura divina molto particolare: la dea mesopotamica Ishtar, conosciuta anche come Inanna (presso i Sumeri) o come Shaushga (presso gli Hurriti dell’Anatolia sudorientale). Ella è associata, principalmente, all’amore e alla guerra, ma anche al cielo e alla vegetazione; nel mito sumerico detto Inanna agli Inferi, è sorella di Ereshkigal, regina dell’oltretomba, e ha ella stessa una fama ferale. Secondo l’assiriologo Giovanni Pettinato (2001), gli Inferi a cui Inanna deve recarsi per visitare la sorella potrebbero essere nient’altro che l’area montagnosa dell’attuale Iran, intesa come “paese del non-ritorno”. Lo stesso studioso (2001) associa più volte Inanna all’astro Venere. Esso, secondo il filologo e orientalista Wolfram von Soden (1985), è sempre presente nelle religioni semitiche antiche, fra le divinità astrali principali: il Sole, la Luna e – per l’appunto – Venere. Secondo i suoi studi, a quest’ultimo pianeta era associata – in Arabia meridionale – una divinità maschile; in Siria, invece, accanto al dio ‘Ashtar, esisteva la dea ‘Ashtart, poi affermatasi fino a rimanere l’unica. Abbastanza evidente è la somiglianza della radice consonantica di questi nomi con quella di “Ishtar”, nome assiro-babilonese della dea.

            Quest’ultima era la patrona della città-stato di Uruk (3500 – 3000 a.C.), in Bassa Mesopotamia, dove le era dedicato il complesso templare detto Eanna. Senza il favore – anzi, i favori – di Ishtar, nessun re poteva considerarsi veramente tale. Ne è testimone anche la celebre Epopea di Gilgamesh, la cui versione classica è del XII sec. a.C., è riportata su tavolette risalenti all’ ‘800-‘700 a.C. ed è stata rinvenuta nella biblioteca di Assurbanipal a Ninive, in Assiria… 

Erica Gazzoldi

 

Continua su Il Simposio – Incipit vita nova (gennaio 2018). Acquistabile qui. Citato dal sito de Il Simposio LGBT.