L’isola di Wilhelm

Confesso che Wilhelm Gerace non mi è mai stato troppo simpatico. È immaturo, misogino, egoista e inaffidabile. Rendersi succube di un rissaiolo strafottente, poi, non gli fa certo onore. Tuttavia, qualcosa mi ha spinto a tornare sulla sua figura. Si tratta di una profezia di Romeo l’Amalfitano, sostituto padre di Wilhelm: “Dunque, pare che alle …
Continua a leggere L’isola di Wilhelm

Mitici queer

Si discute spesso del rapporto fra “sesso” e “genere”, ovvero di quanto conti la natura rispetto alla cultura nella distinzione fra maschio e femmina. Interessante, in questo senso, è osservare quale fosse la percezione dei sessi e della loro dualità nelle epoche che precedettero tanto l’arrivo del Cristianesimo quanto l’avvento delle scienze moderne, gli studi …
Continua a leggere Mitici queer

Ufficiale e gentildonna

Da bambini, molti di noi la guardavano, senza porsi troppe domande. Lady Oscar. Una ragazza bionda che si vestiva da ufficiale e tirava di scherma. Nessuno veniva a spegnere il televisore e a “proteggerci”, perché “non ci confondessimo le idee”. Potere delle fiabe, che possono dire qualunque cosa.  C’è stato bisogno della crescita, per cogliere …
Continua a leggere Ufficiale e gentildonna

Il frutto del dolore

“Volevo assaggiare i frutti di tutti gli alberi del giardino del mondo […] Il mio unico errore fu di limitarmi esclusivamente agli alberi di quello che mi sembrava il lato soleggiato del giardino, evitando il lato opposto a causa dell’ombra e dell’oscurità.” Così scrisse Oscar Wilde (Dublino, 1854 – Parigi, 1900) dal carcere di Reading. …
Continua a leggere Il frutto del dolore

Franco Buffoni: “Per il mio amico Alessandro”

Franco Buffoni (Gallarate, 1948) è uno dei maggiori poeti italiani viventi. Ma, soprattutto, era amico del nostro Alessandro Rizzo Lari. A lui ha voluto dedicare questi versi. “Soltanto chi si è trovato davanti alla porta Dietro la quale viene torturato un uomo Che senza io si avvierà alla morte, Sa che cosa sia davvero l’assurdità”, …
Continua a leggere Franco Buffoni: “Per il mio amico Alessandro”

Perché essere felice quando puoi essere normale?

Jeanette Winterson (Manchester, 1959) è una delle principali scrittrici contemporanee. Il suo romanzo d’esordio, “Non ci sono solo le arance” (1985), ha vinto il Whitbread First Novel Award. L’hanno seguito diversi altri titoli e riconoscimenti. In Italia, è conosciuta soprattutto per “Scritto sul corpo” (1992). “Perché essere felice quando puoi essere normale?” (Milano 2014, Oscar …
Continua a leggere Perché essere felice quando puoi essere normale?

Evviva la neve

Delia Vaccarello, la “giornalista dell’anima”, è già stata giustamente presente su questo sito: prima, come curatrice di antologie (http://www.milkmilano.com/?p=7420 ), poi come romanziera (http://www.milkmilano.com/?p=7513 ). Ora, è la volta di vederla in opera come giornalista e autrice di un’inchiesta, mentre non rinuncia alla sua piacevolezza di narratrice e alla profondità della sua empatia. “Evviva la …
Continua a leggere Evviva la neve