Archivi per la categoria ‘NOI \ IL MILK’

Transgenerita’, cultura e autocoscienza: intervista con Monica Romano

 

Monica Romano com’è noto, è una donna transgender, esperta di lavoro e militante LGBT. È anche una colonna del nostro circolo. L’abbiamo intervistata in merito agli incontri mensili dedicati a “Transgenerita’: cultura e autocoscienza”, cominciati il 18 maggio 2017, con: L’omoaffettivita’ delle persone transgender”. 

1) “Transgenerità”: un curioso neologismo. Come è nato?

Leggi il resto di questo articolo »

L’omoaffettività delle persone transgender

Il 18 maggio 2017, presso la sede de “Il Guado” (via Soperga, 36) a Milano, ha avuto luogo il primo di una serie d’incontri mensili dedicati dal Circolo Culturale TBGL “Harvey Milk” a “Transgenerità: cultura e autocoscienza”. Questo inizio s’intitolava: “L’omoaffettività delle persone transgender”.

Sylvia Rivera (New York, 1951 – New York, 2002)

            Il senso dell’evento è stato introdotto da Monica Romano. Ha spiegato come spesso siano altri a parlare delle persone transgender dall’esterno: da qui, la necessità di raccontarsi in prima persona, per palesare ciò che si vive, senza filtri accademici o pregiudiziali. Questo è ciò che s’intende per autocoscienza. Monica è approdata all’argomento della serata, citando la famosa Sylvia Rivera, protagonista della rivolta di Stonewall (New York, 1969). Sylvia era trans-lesbica e lo era “fuori dai percorsi canonici”, dato che rifiutò la medicalizzazione. 

            Nathan Bonnì, presidente del Milk, ha invitato Monica a dare alcune delucidazioni ai “volti nuovi” presenti. La Romano, pertanto, ha fornito cenni storici. Ha menzionato la legge 164/1982, che regola la riattribuzione del sesso. Era all’avanguardia per l’epoca, ma insufficiente, rispetto alle istanze delle persone con un’identità di genere fluida, un orientamento sessuale non etero o che non vogliono/possono accedere alla medicalizzazione. Secondo la suddetta legge, infatti, la riattribuzione del sesso e del genere anagrafico deve essere autorizzata da un tribunale, che può anche ordinare una consulenza psicologica. Sempre la 164 prevede lo scioglimento automatico del matrimonio, in caso di transizione, a prescindere dalla volontà dei coniugi.

            Monica ha spiegato anche la differenza tra i termini “transessuale” e “transgender”, dal punto di vista politico. Il primo è stato imposto da fuori; il secondo si è affermato all’interno del mondo T, per autodesignarsi. È importante anche ricordare, come lei ha fatto, che non tutti i percorsi di transizione seguono il binario “maschile-femminile”. Una donna transgender può comunque mantenere un look “mascolino”, per esempio. La Romano ha precisato che la conversazione non sarebbe stata “compiacente”: essa avrebbe dovuto esprimere tutto ciò che si pensava, senza paura di turbare o scandalizzare. Dopo Monica, ha preso la parola Laura Caruso. Quest’ultima ha spiegato le parole della Romano circa la “conversazione non compiacente”: durante gli incontri del Gruppo AMA – Identità di Genere, sorgevano spesso istanze di tipo politico, non adatte però a quel contesto (di sostegno psicologico). Da qui, la necessità di incontri diversi, riguardanti l’autocoscienza. La Caruso ha poi esposto il proprio punto di vista sulle “etichette”, ovvero sulla terminologia assai variata che caratterizza il mondo LGBT e che può portare a confusione. Oltre a questo, è un dato di fatto che le definizioni vadano strette anche ai diretti interessati. Laura aveva menzionato il caso di una persona etero di sua conoscenza, appassionata di battaglie LGBT, ma colta alla sprovvista davanti al termine “bifobia”: la tendenza a considerare i bisessuali dei “confusi” o “omosessuali che non si accettano” («Perché abbiamo tutti la presunzione di sapere chi siano gli altri»). Si torna dunque al problema iniziale: quello delle persone transgender troppo spesso oggetto di narrazione, anziché soggetto. Ciò le espone a questo tipo di presunzione.

            Monica Romano ha raccontato del proprio vivere al femminile da vent’anni e delle proprie storie d’amore a lungo termine, con uomini e con donne. Ciò ha portato lei (come altre persone T) a doversi “giustificare” continuamente: «Se ti piacciono le donne, allora non sei davvero donna»; «Lei sta con te perché, sotto sotto, ti vede uomo»; (da parte di donne lesbiche) «Ma ti sei messa con quella lì? Prima, era un uomo!» Il discorso di Monica si è poi spostato sulle aspettative “da film porno” che certi uomini hanno davanti alle coppie saffiche e sugli inconvenienti dell’essere lesbica (a prescindere dalla “T”).

            È arrivata, a questo punto, la “domanda delle domande”, introdotta da Laura: «Se ti piacciono le donne… perché hai scelto di transizionare?» La Romano ha raccontato d’aver dato spiegazioni diverse volte, ma che esse non convincevano. Ne ha concluso che, secondo la società, chiunque si leghi a una persona T “non va bene”. Se il partner è un uomo: «Ma, allora, sei gay!» Se è una donna: «Ma lei, prima, era un uomo!» Da tutto questo, si evince come il binarismo non sia solo un problema teorico-filosofico, ma assai pratico.

            Monica Romano si è definita pansessuale: ovvero, la sua capacità d’innamorarsi non è limitata dalla forma dei genitali o dal genere dell’altr*. Riprendendo il discorso, Laura ha aggiunto che avere un orientamento sessuale monodirezionale può essere certamente “limitante”, ma che bisogna anche fare i conti con le proprie pulsioni. L’orientamento non è una scelta e non tutti sono pansessuali. La Caruso si definisce semplicemente “lesbica”; ma ha dichiarato anche che ogni orientamento è legittimo. La riflessione ha incluso anche il fatto che sia difficile definire il “grado di mascolinità/femminilità” in base ai genitali («Mio zio con la vagina non è più femminile di me!»).

            Laura si è comunque posta spesso un interrogativo tipico delle donne trans-lesbiche in fase di auto-indagine: «Se mi sento donna, perché mi piacciono le donne?» Questa domanda le ha causato molti conflitti interiori.

            A questo punto, è stata introdotta anche la distinzione fra persone T “primarie” e “secondarie”, in base alla precocità dell’autoconsapevolezza. La Caruso, pur avendo transizionato tardi, si definisce “primaria”, perché fin da bambina si rendeva conto della propria femminilità. Purtuttavia, ha trascorso lungo tempo in una condizione socialmente “al top”: quella di “maschio bianco eterosessuale con famiglia e indipendenza economica”. Ciò ha portato i presenti a osservare quanti tipi di discriminazione esistano ancora, a prescindere dalla “T”. Spesso, gli uomini evitano le persone transgender, per paura di essere considerati gay. Le donne si pongono più raramente questo problema. È il maschio a rischiare di perdere uno “status sociale perfetto”.

            Allora, perché si transiziona? Laura ne ha parlato come di “necessità”: «Non è coraggio, è disperazione. Si arriva a un punto in cui ci si dice: “Piuttosto che invecchiare da uomo, preferisco morire”». In quello stato, non si ha più alcunché da perdere.

            La Caruso ha citato alcune frasi che si è sorbita da parte di rinomati psicologi: «Quindi, lei vuol rifarsi una vita con un uomo?» (Come si è detto, lei è lesbica); «Ma, a casa, chi è che cambia le lampadine?»; «Allora, in cosa si esprime la sua femminilità?» A questa, Laura rispose con un sorriso beffardo, indicando se stessa. Esperienze come queste indicano quanto sia aberrante pretendere di capire le persone studiando argomenti sui libri (e decidere del loro destino in base a questi).

            A quel punto, è stata la volta di Nathan Bonnì. Le sue esperienze da liceale hanno visto professori bullizzare anche persone cisgender, in base al loro look («Questi capelli sono troppo corti!», detto a ragazze). Per una persona T che non vive in un contesto consapevole delle minoranze sessuali, scoprirsi e capirsi è difficile. Nathan viveva perciò come una femmina etero. Venne a conoscenza del mondo transgender grazie a serie televisive americane. Seppe dell’esistenza del trans-lesbismo prima ancora che di quella degli FtM.

            La sua prima relazione (con un ragazzo etero) fu tutto sommato felice, perché il partner aveva in qualche modo intuito l’essenza di Nathan. Col tempo, anche le sue fonti di informazione sul mondo T aumentarono. Non trovò però molti esempi di FtM gay; Bonnì è stato un pioniere di se stesso, in questo senso. I suoi primi contatti su GayRomeo furono molto prudenti, dato che lui non si riconosceva nello stereotipo di maschio qui proposto. Dichiararsi “flessibile” lo portava a esser visto come “lesbica”. Quando aveva relazioni con uomini gay, questi venivano spesso classificati come “bisessuali”, pur non essendolo. Anche la sua famiglia aveva difficoltà ad accettare il suo genere e orientamento, perché lo aveva sempre visto come una “ragazza etero”.

            A questo punto, è stata introdotta la questione del “passing”: la capacità di farsi riconoscere come appartenente al genere d’elezione. Il passing è stato difficile per Nathan, quando si trovava in coppia gay (veniva sovente percepito come “la donna”). Ciò non succedeva, però, quando era in compagnia della madre, o in altri contesti.

Per comprendere situazioni sentimentali come quelle di Nathan, occorrerebbe dunque disgiungere la mascolinità dall’eterosessualità. Essere gay non significa non essere uomini.

È stato curioso osservare come un uomo (spesso) rifiuti un partner FtM per una questione di genitali, mentre le donne disdegnano prevalentemente i suoi caratteri sessuali secondari (assenza di barba e peluria, ecc.). Anche fare coming-out sul posto di lavoro non è idilliaco, non foss’altro che per via di quel che recitano i documenti. Una possibile soluzione sarebbe l’introduzione del cambio di nome senza medicalizzazione. Ora che è stata approvata la legge Cirinnà sulle unioni civili, nessuno potrebbe più paventare che “tutti mutino genere anagrafico per accedere al matrimonio con persone dello stesso sesso”.

 

Testo a cura di Erica Gazzoldi, basato sul verbale di Andrea Sabrina Bianchetti.

Davide Amato: una storia di bisessualità, visibilità e non binarismo

Davide Amato è un attivista bisessuale e non binario, che promuove la visibilità e il coming out, parlando del, troppo spesso sottovalutato, problema della bifobia.
In quest’intervista proviamo a conoscere la sua storia, a capire come è cambiata la situazione delle persone bisessuali e cosa sarebbe opportuno fare per migliorare ancora la situazione.

Ciao Davide: tramite quali realtà fai attivismo sul tema della B?

Ciao, Nathan, attualmente faccio attivismo tramite il Circolo Culturale TBGL Harvey Milk di Milano in cui ricopro felicemente il ruolo di responsabile del Progetto Bisessualità e di coordinatore del prossimo gruppo operativo di visibilità bisessuale.

Poi, faccio attivismo tramite una collaborazione con il Gruppo Donna Arcigay di Milano, l’associazione Lieviti del Milk di Verona e, in ultima istanza, con il nascente gruppo di coordinamento di più associazioni sotto il nome di Mondo Bisex. Di quest’ultimo fanno parte arche il gruppo Bit, o Bisessuali in Toscana, e il gruppo Bproud di Bologna.

Se ti va…parlaci di come ti sei scoperto bisessuale

Molto volentieri! Il tutto avvenne tre anni fa, durante uno dei tanti corsi sul bullismo omo-bi-transfobico organizzati dall’associazione Arcigay EOS di Cosenza, in collaborazione con il Cassero di Bologna. All’epoca, già militavo da tempo all’interno del comitato Arcigay I due Mari di Reggio Calabria, spazio in cui entrai da attivista etero LGBT-friendly.

Comunque, per dirla brevemente, si crearono alcune condizioni favorevoli che fecero esplodere improvvisamente, in me, emozioni del tutto nuove e impreviste. In sostanza, la vicenda si svolse tutta durante il trascorrere di quel corso, nel giro di pochissimo tempo, e fu la base di partenza del mio coming out.

Quindi, mi dichiarai bisessuale prima con mio comitato e poi in famiglia, durante il periodo natalizio. Infatti proprio per la mia improvvisa riscoperta, penso di essere un caso unico, speciale e atipico…

L’intervista completa è a disposizione su Progetto GenderQueer.

L’intersessualità raccontata da un* attivista intersessuale

Ciao Sabina, innanzitutto è corretto chiamarti Sabina o preferisci un nome meno “connotato riguardo al genere“?

Ciao Nathan, Sabina va benissimo. 

 

Ovviamente anche le persone intersex (l’intersessualità riguarda il sesso biologico) hanno un’identità di genere. La tua qual è?

Io rifiuto categoricamente il binarismo, sono innanzitutto Sabina una persona intersex queer.

 

I concetti di “etero” e “omo” partono dal fatto che una persona sia di genere maschile o femminile.
Ma anche chiedere se ti piacciono “gli uomini” o “le donne” o “entrambi” risulterebbe binario. Insomma…facciamo prima se ti definisci tu 😀

All’inizio del mio percorso di accettazione rifiutavo categoricamente la possibilità di essere lesbica malgrado provi attrazione sessuale nei confronti del genere femminile. Con il tempo e l’avanzare del mio percorso introspettivo la consapevolezza è aumentata è ho capito che le definizioni in generale sono per me una gabbia. Mi piacciono sia uomini che donne sia biologici che T e anche persone intersex. Credo che se ci possa essere una definizione più vicina alla situazione attuale è: Pansessuale.

 

Quando hai scoperto di essere intersessuale? come hai vissuto questa condizione?

L’ho scoperto a metà anni 90. Sono stata sempre appassionata d’informatica e già allora, quando ancora internet in Italia non esisteva, mi collegavo alle bbs anche americane a avevo scoperto il significato della Sindrome che mi era stata diagnosticata (Sindrome di Morris o AIS). La cosa che più mi traumatizzò fu scoprire che il mio corredo cromosomico è xy quindi secondo il binarismo ero biologicamente maschio.
Fin da piccola sono stata costretta a molte visite mediche e a parecchi interventi chirurgici e quindi sapevo e avevo ben presente che in me c’era qualcosa che non andava. Ricordo bene che anche prima di conoscere la reale situazione mi sono sempre sentita “diversa” rispetto alle mie amiche. La mia famiglia ha sempre cercato di conformarmi come femmina ma io vivevo un conflitto interiore. Loro volevano vedermi il più femminile possibile e io non riuscivo ad accontentarli ed era un continuo contrasto emozionale con conseguenze tali che mi portavano ad evadere utilizzando sostanze stupefacenti. Drogarmi era l’unico modo per avere un po di pace apparente . In alcuni periodi della vita ho cercato di conformarmi il più possibile come donna, violentandomi, e alla fine di questi periodi il risultato era di profonde crisi depressive sempre associato ad un massicio uso di sostanze che mi hanno portato poi anche a più tentativi di suicidio. Insomma non trovavo la giusta collocazione per Sabina nel mondo.
Nel 2008 tramite un’indagine genetica la mia diagnosi è stata completamente ribaltata in Deficit di 5alpha reduttasi, ed è stato l’inizio della fine. Sapere che ero stata trattata, violata e costretta a vita all’assunzione di farmaci è stata l’ennesima tragedia interiore che mi ha portato ad anni di profonda solitudine e rifiuto del mio corpo. Nell’arco di poco tempo sono passata da un normopeso ad una grave obesità, l’assunzione di sostanze era all’ordine del giorno, l’autolesionismo pure. Poi quando ormai avevo perso tutto e la normale evoluzione delle cose in quella situazione sarebbe stata la morte, sono stata aiutata dal mio psichiatra e ho accettato di entrare in una comunità terapeutica per trattare la mia dipendenza da sostanze psicotrope. Ad un certo punto del percorso è stato chiaro sia a me che ai miei terapeuti che avrei dovuto iniziare un percorso per trattare la mia condizione e finalmente con tanta fatica ho iniziato un percorso di accettazione che è ancora in atto e che ad un certo punto ha previsto anche la frequentazione dei gruppi del Circolto Culturale TBGL Harvey Milk Milano che mi ha permesso di ascoltare e confrontarmi con altre persone. Anche se ero l’unica persona intersex, il lavoro di gruppo sulle tematiche di genere mi ha permesso di mettermi sempre in discussione e di accettarmi ma sopratutto trovare una collocazione nel mondo di Sabina come persona…

L’intervista completa è a disposizione su Progetto GenderQueer.

 

Il Milk e il Pavia Pride

Il Circolo Culturale TBGL “Harvey Milk” è lietissimo di aderire al Pavia Pride 2017

Il corteo pavese si terrà sabato 10 giugno e partirà alle ore 15:00 da Piazzale Ghinaglia, per poi approdare a Piazza della Vittoria. Il tema di quest’anno sarà “La provincia”: cosa significa essere gay, lesbiche, bisessuali o gender not conforming in centri di piccole e medie dimensioni? 

Qui, maggiori dettagli sull’evento e sulla Pride Week di Pavia.

A presto!

Prossimi appuntamenti

Dopo l’assemblea del 5 maggio, siamo pronti a ripartire. Ecco i prossimi appuntamenti:

12 maggio, ore 19.15, Via Soperga 36, presso la sede de “Il Guado”:
“Poliamore e altre affettività non normative”.
https://www.facebook.com/events/122124815009120/

18 maggio, dalle ore 21:00 alle ore 23:00, Via Soperga 36, presso la sede de “Il Guado”

“Transgenerità: cultura e autocoscienza”

https://www.facebook.com/events/1225006957608377/?fref=ts

19 maggio, ore 18.30, Libreria Antigone di Via Kramer 20:
Mario Artiaco presenta Io, Lauro e le rose.
https://www.facebook.com/events/1419245228133394/

28 maggio, dalle 18.00 alle 20.00: dibattito e aperitivo col gruppo scout 9 di CNGEI Milano.
Il Milk incontra: dialogo con gli scout sul tema dell’identità di genere.

29 maggio, 
ore 19.30, Tempio d’Oro, Via delle Leghe 23: 
aperitivo di socializzazione rivolto alle persone pansessuali, bisessuali e friendly.
 
A presto!

Assemblea Annuale 05 Maggio 2017

È convocata l’Assemblea Ordinaria Annuale dei soci del Circolo Culturale TBGL “Harvey Milk” di Milano, il giorno venerdì 05 maggio 2017 ore 21.00 presso Via Soperga 36 Milano (sede Guado), con il seguente ordine del giorno:

1) Elezione del revisore dei conti
2) Presentazione del bilancio da parte del Segretario
3) Valutazione del revisore e Approvazione del bilancio
4) Varie ed eventuali

Tutti soci sono invitati caldamente a partecipare a quello che è il momento di massima espressione della vita democratica dell’associazione. L’assemblea è pubblica, chiunque è invitato ad assistere ai lavori.

Regolamento assembleare:

1) AVENTI DIRITTO AL VOTO: tutti i soci in regola con il versamento della quota associativa; i soci tesserati dopo la data di pubblicazione della presente convocazione non avranno diritto di voto. I soci morosi potranno rinnovare la tessera in sede di assemblea e partecipare regolarmente alle votazioni.

2) DELEGHE: ogni associato potrà farsi rappresentare in Assemblea generale da un altro associato con delega scritta. Ogni socio non può ricevere più di una delega. La delega deve esplicitamente contenere nome cognome data di nascita, residenza e numero di tessera (valida) del delegato e del delegante ed essere chiaramente rivolta all’assemblea del giorno 05 maggio 2017.

3) FUNZIONAMENTO: L’Assemblea ordinaria è presieduta dal Presidente congiuntamente col Segretario o, in assenza di entrambi o di uno dei due, da soci eletti a maggioranza assoluta dai presenti.

4) VALIDITA’: L’assemblea è validamente costituita qualunque sia il numero dei soci intervenuti o rappresentati.

5) DELIBERAZIONI: Le deliberazioni dell’Assemblea ordinaria sono valide quando siano approvate dal 50% più uno dei presenti. Tutte le votazioni dell’assemblea si ritengono a scrutinio palese e per alzata di mano, ad eccezione di quelle relative a singole persone fisiche o quelle per cui la maggioranza del 50% più uno dei presenti richieda la votazione a scrutinio segreto. Le deliberazioni adottate dall’Assemblea dovranno essere riportate su un Libro Verbali a cura del Segretario, che sottoscrive il verbale unitamente al Presidente; il verbale dovrà essere a disposizione dei soci.

Il segretario

Stabat Mater – The Baby Walk

Dal 18 al 23 aprile ore 20.30 (domenica ore 18.30)

 

THE BABY WALK
IDEAZIONE Livia Ferracchiati
SCRITTO E DIRETTO DA Livia Ferracchiati
CON Chiara Leoncini, Alice Raffaelli, Stella Piccioni
E LA PARTECIPAZIONE VIDEO DI Laura Marinoni
DRAMATURG DI SCENA Greta Cappelletti
AIUTO REGIA Laura Dondi
PRODUZIONE Centro Teatrale MaMiMò e
Teatro Stabile dell’Umbria/Terni Festival
IN RESIDENZA A Campo Teatrale
in collaborazione con Residenza Artistica Multidisciplinare pressoCAOS – centro arti opificio siri a Terni

 
Stabat Mater indaga il tema delle relazioni intime e famigliari ed è, dopo Peter Pan guarda sotto le gonneil secondo capitolo della Trilogia sull’Identità che affronta il tema dell’identità di genere e, in particolare, racconta il transgenderismo maschile.
Quant’è difficile crescere? Quando si diventa adulti?
Cosa significa recidere il cordone ombelicale e farsi, a propria volta, potenziale genitore?
PROMO HARVEYMILK
Biglietto a € 10 anzichè € 20 prenotando a: biglietteria@campoteatrale.it

 

CONVIVIO – UNA CENA “DOPO” MA ANCORA “DENTRO” IL TEATRO 

Un’occasione per incontrare le compagnie ospiti dopo lo spettacolo, il direttore artistico del teatro Donato Nubile e altri ospiti per condividere domande e riflessioni intorno a un tavolo, ma anche per conoscersi e fare quattro chiacchere insieme ad altri spettatori.

 

QUANDO: Domenica 23 aprile dopo lo spettacolo (durata 90 minuti)
DOVE: A Campo Teatrale (via Casoretto, 41/a – 20131 Milano).
COSTO: Biglietto spettacolo + cena a buffet € 14
PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA:comunicazione@campoteatrale.it

Progetto co-finanziato da Fondazione Cariplo

Elevazione – In memoria di Alessandro Rizzo

Presso l’Antico Palazzo Biancardi in una storica zona imperiale – culla dell’antiquariato cittadino, inaugura: ELEVAZIONE, una mostra fotografica concettuale firmata dall’artista Giulio Crosara– classe 1984 – si terrà nel cuore di Milano, dal 13 aprile al 7 maggio presso Alson Gallery, Via S. Maurilio 11 Milano.

Vernissage 12 aprile ore 18.00 
 

Elevazione è un progetto espositivo fotografico site-specific dell’artista Giulio Crosara per Alson Gallery.

Ogni elemento della galleria è studiato per restituire l’esperienza dell’innalzarsi. L’altezza del soffitto di 5,29 metri, il colore bianco del pavimento e la sua riflessione, ogni particolare della struttura espositiva ha una sua funzione e produce  un rapporto armonico con le opere installate.

Una passerella sopraelevata realizzata per la mostra accoglierà il visitatore e, percorrendola, si avrà una prospettiva sempre diversa, godendo di una visione espositiva non convenzionale.

Lo sguardo dall’alto è libero di spaziare.

Esiste un ponte che si erge dalla profondità del reale e porta all’elevazione.

Elevazione è dedicata alla memoria di Alessandro Rizzo, giornalista, critico d’arte e vicepresidente del circolo culturale Harvey Milk Milano, scomparso a soli 39 anni nel gennaio scorso. Rizzo, attivo anche nella politica, era noto per i numerosi progetti e impegni culturali e artistici a cui si dedicava: fondatore di Rapporto di Minoranza e del circolo Arci Equinozio, redattore di Cinemaindipendente.it, vicedirettore di Segreti di Pulcinella, curatore di mostre e organizzatore di presentazioni di libri.

Rassegna stampa on line:

Generazione X

KritikaOnline

Hestetika

Lobodilattice

Arte.go

Informazione

Pinterest

Il Milano

MilanoToday

Fermata Spettacolo

Allevents.in

MPEFM

 

 

Contattaci

Contattaci a
presidente@milkmilano.com

I nostri laboratori

Teatro
Una domenica al mese, con Alessandro Martini
per info: teatro@milkmilano.com

Meditazione
una volta al mese, di giovedì, alla Sede Guado
per info: meditazione@milkmilano.com

AMA Relazioni Affettive
un martedì si e uno no, alla Sede Guado
per info: ama@milkmilano.com

AMA Identità di Genere
un giovedì si e uno no, alla Sede Guado
per info: transgender@milkmilano.com

Eventi Culturali
per info: Marco D'Aloi
vice@milkmilano.com

Sportello TiAscolto
per info: Stefano Ricotta
tiascolto@milkmilano.com

Progetto Bisessuali
per info: Davide Amato
bisessuali@milkmilano.com

Progetto Crossdressing
per info: Sabrina Bianchetti
crossdressing@milkmilano.com

Commenti recenti
    Calendario posts
    maggio: 2017
    L M M G V S D
    « Apr    
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    293031  
    MILKTV
    Accendici, siamo on-line!!!
    «Dobbiamo dare speranza alla gente. Speranza per un mondo migliore, speranza per un domani migliore. Non si può vivere di sola speranza, ma senza di essa la vita non vale la pena di esser vissuta» Harvey Milk
    IERI
    PARTECIPA
    Il MILK è un’associazione aperta a tutti, quindi anche a te! Vogliamo affrontare la realtà TBGL milanese a 360 gradi, in svariati campi e organizzando manifestazioni culturali e politiche che possano arricchire l’intera comunità cittadina. Intendiamo operare anche nell’ambito del benessere della comunità, sostenendo in primis (ma non solo) attività di collaborazione diretta con chi si occupa di lotta e prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili. Inoltre, in qualità di associazione di cultura omosessuale, vogliamo rivolgerci alla comunità GLBT fornendo spazio che sia luogo di aggregazione e confronto.

    «La speranza non sarà mai silenziosa» Harvey Milk
    Legale Trans
    Sportello di orientamento legale Trans
    Convenzioni
    Tutti i negozi, locali ed esercizi convenzionati con Milk Milano! Clicca qui.
    «Se una pallottola dovesse entrarmi nel cervello, possa questa infrangere le porte di repressione dietro le quali si nascondono i gay nel Paese» Harvey Milk
    Mug!

    Scarica il nuovo numero di Mug!

    Siamo così
    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001