“La signorina Giulia” allo Spazio Tertulliano: sconti per soci Milk

Va in scena allo Spazio Tetrulliano dal 28 ottobre all’8 novembre “La signorina Giulia”, opera scritta dal celebre drammaturgo svedese August Strindberg, con l’interpretazione di Giuseppe Scordio, di Sonia Burgarello e di Agnese Grizzaffi, e la produzione della Compagnia Artistica Tetrulliano.
Il dramma, che risale alla fine dell’Ottocento, fece scandalo all’epoca e in quella società in preda al pieno puritanesimo e alla repressione morale e perbenista. I salotti letterari e culturali videro alla luce un’opera che mette in discussione i ruoli eteroimposti ed eteroindotti della società conservatrice del tempo: quelli tra uomo e donna, tra ruolo maschile e ruolo femminile, tra padrone e servo, tra ceti sociali e classi diverse e antagoniste, la più debole, quella povera, destinata a soccombere a quella predominante, ricca e aristocratica.

Una narrazione fatta di intrighi amorosi e intrecci sensuali, dove la seduzione, operata dalla contessa Giulia sul proprio maggiordomo Jean, potrà diventare un’arma a doppio taglio, ritorcendosi contro a chi la pratica: l’arrivismo sfrenato e irrefrenabile dello stesso Jean, oggetto di brama e di desiderio da parte della nobil donna, determinerà uno scomvolgimento nel rapporto tra i due protagonisti. L’incontro tra due classi sociali si riverbera in un vero e proprio scontro, personale, affettivo e comportamentale, narrato con destrezza e sapienza descrittiva in quell’opera che si dirà essere il manifesto della nascita del Naturalismo. Il confronto, aspro e tenace, tra i due personaggi, rappresentativi dei due rispettivi ceti di appartenenza, sconvolgerà quei ruoli e quelle funzioni definiti da stereotipi e da paradigmi imposti dalla società proibizionista dell’epoca.

Il teatro si trova in Via Tertulliano 70, Milano, e i soci del Milk, con tessera, potranno godere dell’agevolazione di pagare 10 euro anziché 16 euro l’entrata frutto, questo, di una convenzione ormai storica tra il nostro circolo e lo Spazio Tetrulliano, dai risvolti proficui, costeuttivi e interessanti.

Testo scritto da Alessandro Rizzo

Alessandro Rizzo

Redattore, fondatore di Rapporto di Minoranza, della cui associazione è presidente. Redattore di Cinemaindipendente.it, webzine di cultura indipendente cinematografica. Vicedirettore di "Segreti di pulcinella", giornale di arte e cultura on line, collabora con culturagay.it, pianetagay.it e organizza iniziative di presentazione libri ed esposizioni artistiche e performative in diversi locali di Milano. Collabora con la libreria lgbt di Milano presso lo store Pier Open Space di Milano ed è redattore di Pier Magazine. Cura la rubrica libro lgbt della settimana nell'ambito della radio web Gayday2. Da sempre impegnato nella promozione della cultura e della politica culturale nell’ARCI, dove ha fondato il circolo "Equinozio". Attento all’analisi della contemporaneità, pacifista convinto, antifascista irriducibile, nonviolento e aderente ai movimenti contro la guerra e per la pace. Fa parte del Tavolo della Casa della Pace di Milano. E' attivista nel movimento lgbt promuovendo iniziative e attività culturali utili e funzionali a promuovere i diritti e l'estensione della democrazia.