Spazio Relazioni TBIGL 

gruppo ama relazioni affettive

 

Il Gruppo é un luogo di confronto, di reciproco aiuto e apprendimento dedicato alle relazioni delle persone LGBTI.

Il nostro Spazio Relazioni TBIGL, in un ambiente protetto e confidenziale, desidera essere un’occasione per parlare di sé e della propria affettività

Nel gruppo si condividono esperienze, opinioni ed emozioni, instaurando rapporti reciproci di fiducia e di vicinanza, che aiutano a rileggere la propria esperienza affettiva e il proprio comportamento da punti di vista alternativi offrendo la possibilità di trovare strategie per superare le difficoltà presenti.

Quando, dove e come si tengono i gruppi Relazioni Affettive

Eventi con cadenza quindicinale (ogni due settimane) un martedì si e uno no, dalle 19.15 alle 21.00, alla sede Guado di Via Soperga 36, Milano, interno 31

Per informazioni e partecipazioni (si accede tramite un primo colloquio): ama@milkmilano.com

Responsabili del Progetto

Facilitatrice: Cinzia Favini

Co-facilitatore: Leonardo Meda

Biografia di Cinzia Favini

 

Cos’è un Gruppo AMA e autocoscienza

I gruppi di Auto Mutuo Aiuto e autocoscienza, segnalati da www.amalo.it, sono contesti filtrati e protetti, creati per permettere il confronto sereno e libero fra persone che desiderino confrontarsi sul tema dell’identità di genere in tutte le sue sfumature. All’interno del gruppo troveranno quindi spazio ed accoglienza percorsi transessuali e transgender*, e gender non conforming,ma non solo. Il gruppo è infatti concepito come spazio di confronto sull’identità di genere a 360° e sarà aperto a tutte le persone che desiderino confrontarsi sulla tematica, a qualsiasi punto del proprio percorso di autodeterminazione esse siano.

Il ruolo dei facilitatori

I gruppi prevedono la presenza di un facilitatore/trice. Il suo ruolo è quello di agevolare il lavoro del gruppo facilitando lo scambio al suo interno, nonchè di essere garante delle regole di partecipazione. I “facilitatori/trici” sono essi stessi componenti del gruppo, pertanto possono portare e condividere il proprio percorso di autedeterminazione rispetto al genere al suo interno.

Accesso ai gruppi

L’accesso al gruppo AMA avviene attraverso un colloquio preliminare con il facilitatore/trice, che ha lo scopo di accogliere il nuovo potenziale componente, illustrare le dinamiche del gruppo e le regole di partecipazione, confrontarsi circa esigenze ed aspettative in merito. Qualora da ambo le parti ne sussistano i presupposti, viene dato inizio all’esperienza di gruppo dalla prima riunione successiva.