Alla Casa dei Diritti di Milano, Via De Amicis 10, Milano, martedì 23 giugno dalle ore 18 fino alle ore 19,30 affronteremo come Circolo Culturale Tbgl Harvey Milk un tema che negli ultimi decenni sta diventando centrale a livello internazionale: “TURISMO E TEMI LGBT: PROSPETTIVE CULTURALI, CIVILI ED ECONOMICHE DI UN SETTORE IN EVOLUZIONE”.

Era il 2000 e già si stimava che il 10% del numero complessivo dei turisti internazionali apparteneva alla comunità lgbt: oggi, 2015, la cifra si è oltremodo raddioppata, moltiplicata, e ha invitato diversi tour operator, diversi agenti di viaggio, diversi uffici turistici, nonché il personale delle strutture alberghiere e delle imprese a rivedere alcune politiche di offerta e adattare alcune di queste alle esigenze di una clientela lgbt, attenta alla bellezza, all’eleganza architettonica, al comfort, al divertimento e all’evasione culturale. Il turista lgbt ha espresso una propria identità di viaggiatore, ma ha saputo, spesso, rendere alcuni luoghi e tendenze culturali, parti integranti di un’offerta turistica trasversale, tra movida e situazioni cool e alla moda. Il cliente lgbt ama passare diverso tempo nel visitare le ricchezze artistiche e culturali che un posto presenta, elevando di qualità il contenuto della proposta turistica e la frequentazione delle strutture. In questa prospettiva di contaminazione e di crescita, non solo economica, aprendo il settore a una clientela diversificata e numerosa, ma anche culturale e sociale, si affronterà il tema con diverse figure e rappresentanti di agenzie, tour operator e responsabili del settore turistico di alcuni paesi, che hanno fatto propria tale proposta, diventando riferimenti per prassi avanzate sul turismo lgbt, in special modo i casi israeliano e sloveno.

Si affronterà, quindi, il tema da un punto di vista culturale oltre che economico e sociale di settore, in Italia di fatto antico, cronache anche di fine Ottocento e inizio Novecento parlavano di soggiorni di nobili e artisti stranieri omosessuali sulla costa amalfitana o sulle spiagge siciliane, e che sta avanzando interessanti prospettive nel mondo attuale, dando una visione panoramica sugli aspetti, diversi, che riguardano le richieste formulate dalla clientela lgbt, le risposte che si è riusciti a dare e che cosa si intenda per clientela lgbt.

Saranno, cosi, avviati confronti tra operatori che da tempo adottano tale settore come propria proposta e si delineeranno le prospettive che si possono avviare in questa frontiera.
Saranno presenti Pietro de Arena – direttore marketing, Ufficio Nazionale Turismo Israeliano; Erick Lombardi, agenzia Jet Fly Servizi;
Alessio Virgili, President GLBT Travel Specialist Italy and International Coordinator;
E un responsabile marketing di Spirit Slovenia.

In tempo di Expo lo sguardo internazionale della città non può tralasciare l’aspetto integrativo e di coinvolgimento che Milano può offrire, come metropoli europea, verso un’offerta turistica Lgbt: il tema vedrà un interesse dell’amministrazione e delle istituzioni con la presenza dell’assessore al turismo del Comune di Milano, Franco D’Alfonso. Occasione sarà questa per dare quel connotato culturale e civico che il turismo lgbt può garantire allo sviluppo sociale di una città e per fare un punto su cosa la metropoli offra, abbia offerto e abbia in prospettiva di offrire e garantire per un giusto e auspicabile sviluppo del settore turistico lgbt.

Testo a cura di Alessandro Rizzo