Lo scorso 8 Maggio il neonato gruppo studentesco Gaystatale si è dovuto scontrare con l’inciviltà e l’omofobia di alcuni rappresentanti della lista universitaria ciellina Obbiettivo Studenti, venendo presi a male parole dopo avere difeso da una operazione di “censura” (tramite strappo) le locandine affisse per promuovere questa nuova realtà GLBT.

La notizia è stata riportata in breve anche da La Repubblica. Vi forniamo la versione dei fatti data da questi nostri amici, confermata da più di una testimonianza. Enrico, referente del gruppo, ci ha raccontato: “Nel pomeriggio io e Valerio stavamo procedendo al nostro giro di volantinaggio delle bacheche della sede di via Festa del Perdono. Ad un banchetto di Obiettivo Studenti posizionato davanti alle aule 208-211 si trovavano una decina di ragazzi. Abbiamo sorpreso uno di questi staccare uno dei nostri volantini, fatto che si ripete con incredibile costanza e sistematicità. Di fronte alla nostra richiesta sul perché staccassero i nostri volantini, i ragazzi del banchetto hanno risposto, con atteggiamento strafottente, ‘perché non ci piacciono’. Noi abbiamo fatto notare che noi non stacchiamo i loro, benché non ci piacciano, e la risposta è stata: ‘ci mancherebbe altro!’. Di fronte alle lamentele sul loro atteggiamento scorretto, mi sono sentito apostrofare: ‘Datti una calmata, bambina!'”.

Tra sghignazzate troglodite queste persone così per bene poco prima si erano rivolte all’altro volontario in questi squisiti termini: “Dai, vieni qui che te lo spingo!”. Ad una seconda e ferma richiesta del perché ci fosse un comportamento ostile nei confronti di Gaystatale, poi, i volontari sono stati ulteriormente presi in giro (i volantini sarebbero addirittura stati staccati per due settimane consecutive dai ciellini… per leggerli meglio!!!). Gaystatale, non ottenendo alcuna spiegazione, ha quindi inviato a Obbiettivo Studenti una lettera, chiedendo chiarimenti.

La risposta di Obbiettivo Studenti – sotto elezioni universitarie – è stata di scuse accompagnate ad un “ci battiamo per una reale libertà di espressione in università e continueremo a farlo” congiunte ad una dichiarazione di impossibilità di controllo della minoritaria presenza di “teste calde”. Peccato notare come la minoranza delle “teste calde” isolate fosse composta dalla decina di ragazzi presenti come attivisti al banchetto elettorale di Obiettivo Studenti, referenti pubblici, quindi, in quel momento, della lista in questione. Se Obbiettivo Studenti avesse voluto fare davvero qualcosa che dimostrasse il proprio amore per i valori di dignità umana che tanto sbandiera, avrebbe potuto fare la grazia di mettere alla porta quegli incivili… a meno che nella lista studentesca di CL siano così sprovveduti da non sapere chi mettono come propri rappresentanti ai banchetti di promozione a pochi giorni dalle elezioni politiche: il che fa riflettere bene sull’opportunità che queste persone si candidino a posizioni di rilievo che richiedano concentrazione, precisione e soprattutto conoscenza della realtà in cui vivono.

La nostra più viva solidarietà ai ragazzi di Gaystatale.

(Panunzio)

Comments are closed.